Google - motore di ricerca

Perchè Google penalizza i siti lenti su mobile

Avere un sito internet veloce è molto importante.

L’ utente deve poter accedere alle informazioni velocemente e godere di una piacevole esperienza di navigazione all’interno delle pagine del sito su cui naviga.
Alcuni testi hanno evidenziato che il ritardo di mezzo secondo nella restituzione della Serp da parte di Google si riflette fortemente sull’utilizzo del sito stesso. Occorre quindi ottimizzare le performance del sito per velocizzare i tempi di caricamento trovando il giusto mix tra funzioni, usabilità, velocità e comunicazione.

Google penalizzerà le pagine lente nella classifica delle visualizzazioni su mobile; questa è la grande novità di “Casa Google” che entrerà in vigore a partire da luglio 2018. La velocità di caricamento di un sito internet sarà dunque un fattore importante e discriminante per la classificazione della visualizzazione da mobile da parte di Google.

Questa decisione, da parte di Google è stata presa perchè la gente vuole avere delle risposte alle domande impostate sul motore di ricerce, velocemente. La velocità delle pagine, sarà quindi un fattore che inciderà nei risultati delle ricerche da mobile, così come già avveniva per quelle da desktop.

Questo aggiornamento, che prenderà il nome di “Speed Update”, sarà attivo da luglio 2018, avrà influenza solo sulle pagine che offrono un’esperienza più lenta ed applicherà lo stesso standard a tutte le Pagine, a prescindere dalla tecnologia utilizzata per costruirle.

Il concetto di pertinenza e dei contenuti significativi avrà comunque importanza. Proprio per questo, sarà quindi possibile che una pagina, seppur lenta nel caricamento, ma dai contenuti pertinenti e significativi, si classifichi bene!

Un recente studio, sempre made in Google, dimostrava quanto la prestazione di velocità incidesse nell’esperienza mobile. Proprio in quell’occasione si leggeva che: “Non c’è niente da fare: più veloce è meglio“.

Il tuo sito internet è veloce? Ha contenuti pertinenti e significativi?
Fai un’analisi gratuita! 

Follow by Email
Facebook
Facebook
Instagram